Literary pages: La realtà dell’immaginazione – 1984

Want create site? Find Free WordPress Themes and plugins.

Eccomi qua di nuovo, tutta per voi! Questo mese, continuando la catena dei “grandi classici”, vorrei parlarvi di uno dei libri più citati, amati, controversi, e discussi della letteratura del secolo scorso: 1984.

1984 è il masterpiece di George Orwell, un libro che tutti conosciamo o per via diretta, o tramite citazioni di libri, film e canzoni. Ma perchè questo libro è andato a finire sulla bocca di tutti? Non è di certo la prima volta che qualcuno immagina un’entità potentissima che controlla le vite di ciascuno di noi, Cartesio docet in questo.

Allora, perchè Orwell ha lasciato questo grande segno nella letteratura? Quali sono state le armi che gli hanno permesso di  creare un romanzo di questo impatto?

Il libro, oltre alla travagliata storia d’amore tra Julia e Winston, ci proietta in un mondo allucinante, un mondo in cui i poteri forti hanno piegato i cittadini, un mondo in cui la libertà è la sottomissione al potente. Tutta la produzione di Orwell è volta ad analizzare il rapporto tra l’uomo comune ed il potere, prendendo in considerazione sia il punto di vista dell’uno, che dell’altro. Ma alla fine, così come accade anche ne “La fattoria degli animali”, è l’uomo comune stesso che brama quel potere, che fino a poco tempo prima odiava con tutto il suo cuore. O, come nel caso del nostro Winston, non può far altro che reprimere (o meglio, essere costretto a reprimere) tutto quel disprezzo, per conformarsi in quel mondo in cui egli stesso è confinato, e da cui non può evadere.

Più che le vicende dei due amanti, mi preme di scrivere riguardo questo universo malato, che Orwell, iperbolizzando la realtà, riesce a creare. La minuziosità dei dettagli, l’impostazione rigorosa e attenta, i nomi, le descrizioni… tutto il contesto  ci rende parte della tela del Grande Fratello. E’ proprio il contesto che crea una sovrapposizione tra Winston e il lettore, e tra Julia e la lettrice. Certo, come in ogni favola, piacerebbe a tutti riuscire a vedere i protagonisti felici e in pace con il loro mondo, ma Orwell, da bravo realista quale è, non permette al lettore di costruire una storia d’amore favolesca, su una trama che tenta il più possibile di distaccarsi dalla bella vicenda degli eroi protagonisti, follemente innamorati, che lottano per il loro amore, e raggiungono il successo.

A mio avviso, la grande qualità dell’autore è stata combinare la tradizione, con la capacità critica e osservativa del contesto storico-politico, in cui l’autore stesso era immerso. Il tutto poi, impreziosito dalla sua straordinaria penna, non può far altro che dare vita a un romanzo destinato a lasciare il segno nella storia delle letterature.

 

Marta Cerafogli

Did you find apk for android? You can find new Free Android Games and apps.
About the Author:
Ciao a tutti! Mi chiamo Marta, ho 18 anni e adoro scrivere. Scrivo riguardo tutto; datemi una traccia e ve la svilupperò. Credo che non valga la pena di vivere una vita senza sarcasmo. E questo senso dell'umorismo lo ritroverete in tutto ciò che scrivo, se avrete voglia di leggerlo :) Buona vita!


Leave a Reply