Film Stock: Carnage

La banalità del male (ma anche del bene). Nel mondo della musica e in minor modo in quasi tutti gli altri rami dell’arte c’è la concezione che i migliori lavori di un determinato artista si raggruppino agli inizi della sua carriera e che col tempo le cose possano solo andare a peggiorare, una tesi che trovo essere abbastanza diffusa nonostante sia stata smentita innumerevoli volte da artisti in tutti i campi, e tra questi rientra sicuramente Roman Polanski.     Polanski è un regista franco-polacco famoso per aver rivoluzionato il cinema horror insieme a George Romero con il suo capolavoro e capostipite del genere “Rosemary’s Baby”. Se Romero (di cui sicuramente parleremo in questa rubrica in futuro) segnò l’inzio di un certo tipo di cinema horror underground e “amatoriale” nella sua miglior accezione possibile Polanski segnò l’inizio di un altro tipo di horror, più mainstream e ad alto budget, più classico ed elegante se vogliamo, due stili in un certo senso opposti ma complementari e vitali l’uno per l’altro e soprattutto per l’evoluzione del genere in toto. Ma siccome di quel capolavoro di Rosemary’s Baby ne hanno parlato tutti e questa rubrica cercherà di evitare di parlare di classici già […]

Music Bites: ugh, nevermind!

Ciao ragazzi, rieccoci a parlare di musica! Spero stiate passando un periodo felice di vacanze e che abbiate visitato tanti bei posti. In caso contrario approfittate al meglio di questi ultimi giorni estivi, perché è già tempo di rimettersi a studiare… gli esami sono ormai, ahimè, alle porte. Oggi vi parlo di un gruppo e in particolare di un album che da sempre mi ha affascinato e che annovero tra i miei preferiti in assoluto, senza se e senza ma. Di chi si tratta? Beh, non vi resta che leggere per scoprirlo! Partiamo con gli indizi: ci troviamo a cavallo fra gli anni 80 e 90, che furono fondamentali per la storia del rock. Iniziando a entrare più nel dettaglio, vediamo che dalle parti di Seattle – nord ovest degli Usa – nasce un nuovo genere musicale capace di unire le anime coi diverse della musica punk e della musica rock. Molti i gruppi che si fecero portatori di questo genere, ma tra questi sicuramente i più famosi furono…     …proprio loro, i Nirvana. I Nirvana sono stati una band grunge e alternative rock di Seattle. Il cantante chitarrista e leader è Kurt Cobain, una personalità fragilissima tormentato da diversi […]

Summer 2017: Alicante

Dopo giorni di full immersion nello studio de La Gaia Scienza, rieccomi con un nuovo post. Questa volta vi parlerò brevemente del mio secondo viaggio di quest’estate: Matteo e io abbiamo scelto di trascorrere una settimana insieme ad Alicante, in Spagna. Nonostante una serie di sfortunati eventi (proprietario dell’appartamento irreperibile per ore il primo giorno, soldi e documenti rubati, ustioni dopo il primo giorno di spiaggia) è stata una bella vacanza per diversi motivi. Va da sé che una città bella come Alicante, con un mare pulito e limpido, spiagge tranquille, un castello in cima a una montagna, musei e l’immancabile Rambla, non può essere che un ottimo punto di partenza per un viaggio. Se a questo sommiamo il fattore cibo, la situazione migliora in modo esponenziale: io che impazzisco per le patatas bravas le ho ordinate quasi ogni sera (ognuno le fa con una ricetta diversa, non ci si annoia mai!), mentre Matteo ha fatto una scorpacciata di frutti di mare, tra cui l’immancabile paella. Già che ci siamo, a chi ama mangiare come la sottoscritta consiglio il lomo ibérico con confitura de albaricoque y cebolla caramelizada, sostanzialmente lonza di maiale con marmellata di albicocche e cipolla caramellata. Inoltre, per chi fosse […]

Summer 2017: Slovenia

Dopo un paio di mesi, rieccomi. Non sono morta, ma come al solito ogni tanto mi assento e mi allontano dalla scrittura (e ho sempre una scusa pronta). Questa volta non posso dare la colpa allo studio – non del tutto – perché quest’anno il mese di luglio per me non è stato soltanto un periodo di esami, ma anche di viaggi. Finalmente una gioia, vero? Adesso però è tutto finito (o meglio, solo la parte divertente è finita): sono giorni che penso a cosa scrivere in merito alle vacanze e al tempo stesso evito di pensarci, perché da quando sono tornata vorrei solo a prendere le mie cose e ripartire di nuovo. Il mio primo viaggio è stato con la mia famiglia in Slovenia: cinque giorni a Lubiana e dintorni. La città è molto pulita, mi ha ricordato l’ordine delle città austriache, e ha un’architettura Art Nouveau “molto europea”. Per quanto riguarda il paesaggio, sicuramente è adatto a chi ama il verde e la montagna. Abbiamo anche avuto tempo di esplorare le meravigliose grotte di Postumia e, dopo aver fatto un confronto, possiamo dire che i laghi sono nettamente superiori rispetto alle spiagge slovene (per niente entusiasmanti) per chi […]

Music Bites: American Idiot

Luglio. Mese decisamente troppo caldo, che per noi universitari coincide con il periodo peggiore e più temuto dell’anno: la sessione estiva. Ebbene si, all’alba del 20 luglio finalmente è tutto finito… Per ora. Quindi rieccoci qui per parlare di musica. Reduci dai due giorni di Idays, nello scorso articolo abbiamo parlato dei Radiohead mentre oggi vi racconterò la storia dell’altro gruppo che sono andato a vedere, ovvero i Green Day. Più nello specifico vedremo un po’ la storia di Ameican Idiot, un album amato ed odiato, ma che ha segnato i miei più profondi anni adolescenziali. Diciamo pure che l’ho consumato come non mai!     I Green Day sono un gruppo musicale statunitense formatosi a Berkeley nel 1986 e composto da tre membri: Billie Joe Armstrong come chitarra e voce, al basso Mike Dirnt e Tré Cool alla batteria. Il successo arriverà nel 1994 con Dookie che contribuirà a far tornare il punk-rock nella musica mainstream. All’attivo hanno 12 album in studio, di cui l’ultimo, Revolution Radio, è uscito nel 2016. Oggi stanno portando in giro per il mondo le loro canzoni con un magnifico tour dove appaiono più in forma che mai. Erede del tanto criticato Warning, nel 2004 […]

Inizio estate: tra studio e viaggi

Prima il dovere e poi il piacere… Ahimè. Siamo alla resa dei conti, ho ancora un esame a luglio, ormai manca poco e sono gli ultimi sforzi ma nonostante sia il mio penultimo esame prima della laurea vedo che la voglia di studiare, in questi giorni, inizia a venire meno. Penso la colpa sia tutta delle vacanze, con la testa sono già al mare a godermi il sole di Alicante; penso alla bellezza del lago di Bled e della Slovenia in generale, ma anche al fascino dei campi fioriti in Francia. In caso non si fosse capito, non vedo l’ora di partire, di fare mille foto per esercitarmi, di rilassarmi prima della laurea imminente (in realtà è a fine anno, ma il tempo passa velocemente, tranne quando si studia). Questi scatti risalgono a qualche settimana fa, al weekend della festa della mamma, durante il quale abbiamo fatto una gita in giornata a Nizza e Cagnes-Sur-Mer. Maria Laura 👑  

Music Bites: Radiohead

Ciao ragazzi! Questo mese finalmente si inaugurano i concerti estivi, cominciando settimana prossima con due giorni di full immersion: infatti mi godrò prima i Green Day, seguiti dai Radiohead (con Maria Laura) agli I-Days di Monza. Siamo tutti molto gasati e speriamo di trascorrere giornate indimenticabili. Oggi vi voglio parlare proprio dei Radiohead e di quello che a parer mio è il loro album migliore: Ok Computer. Premetto che non sono il loro più grande fan, ma negli anni ’90, specialmente con questo disco, hanno segnato un’epoca e sono assolutamente affascinanti. Nascono nel 1985 nell’Oxfordshire in Inghilterra sotto il nome di On a Friday grazie a Thom Yorke (voce, chitarra e pianoforte), Jonny Greenwood (chitarre), Ed O’Brien (chitarra), Colin Greenwood (basso) e Philip Selway (percussioni). Nel 1992 cambiano nome e diventano Radiohead. Ad oggi, con una carriera notevole alle spalle, hanno venduto più di 30 milioni di album in tutto il mondo. I Radiohead giungono alla ribalta nel 1993 con il loro primo disco Pablo Honey, interessante, ma sicuramente non rivoluzionario. Quello che salta subito alle orecchio è la grande influenza degli Sonic Youth sulla musica e sul cantato una voce particolarissima, quella di Thom Yorke, che si rifà molto a Bono […]

Music Bites: Royal Blood

Ancora una volta sono in ritardo, ma anche stavolta ho una scusante: questa settimana dovevo dare un esame pesantissimo, bruttissimo, e chi più ne ha più ne metta. Ora però…. rieccoci! L’estate è alle porte e ci porterà un ricco periodo di concerti, tra quelli a cui non posso mancare ci sono Radiohead e Green Day, in Italia per gli I-Days a Monza nel mese di giugno.  In questi ultimi giorni è stato annunciato per novembre anche un altro concerto molto interessante, a Milano: i Royal Blood, gruppo sicuramente ai più sconosciuto ma che tra gli appassionati ha riscosso un notevole successo. Ma chi sono i Royal Blood? Partiamo dall’inizio. I due amici Mike Kerr e Ben Tatcher formano questo schieramento vincente nel 2013 a Brighton. Ascoltando le loro canzoni non si direbbe, ma sono veramente un duo. Il primo è il bassista e cantante mentre il secondo è il batterista. Il loro punto di forza è il riuscire a creare lo stesso suono di una band classica (formata dalle stesse loro componenti ma con almeno almeno una chitarra in più) con una grande abilità. Si riconosce subito il talento di Tatcher, ma gran parte del lavoro viene fatto da Kerr che con un basso opportunamente […]
May 01

Celebrating Spring

In una giornata grigia, piovosa e noiosa come questa è evidente più che mai l’importanza, la bellezza di quel tocco di colore in più che rende accesi i paesaggi che vediamo in primavera: parliamo dei fiori. Ultimamente tra lezioni e lavoro il tempo che ho da dedicare alla fotografia non è molto, ma quando ne ho l’occasione esco a fare due passi e la mia attenzione finisce sempre per essere catturata dai fiori, dalle piante, dai loro colori vivaci. E tutto questo, per una che soffre di allergia come me, non è sempre facile 😅 Nonostante questi giorni non siano esattamente primaverili – sembra di essere tornati indietro nel tempo di qualche mese – spero di riuscire a trovare ancora dei nuovi spunti da fotografare. Intanto vi lascio con questi scatti! Maria Laura 👑  

Music Bites: Blur

Ciao a tutti! Rieccoci su Music Bites, spero vi stiate godendo questi primi giorni assolati e caldissimi, qui ahimè siamo sempre alle prese con mille impegni. Negli ultimi tempi mi sto considerevolmente riavvicinando ad un gruppo che nel tempo ho consumato talmente tanto che per ‘nausea’ ho smesso di ascoltare. Nei meandri della mia libreria qualche sera fa ho ri-trovato Leisure e da qualche giorno sono decisamente in fissa coi Blur. Ok, diciamo la verità: complici sono state anche le nuove canzoni dei Gorillaz, oggi principale progetto dell’eclettico frontman dei Blur, Damon Albarn (che tra l’altro non mi sono sembrate un granché), Come avrete potuto capire, questo mese ci occupiamo dei mitici BLUR! Nascono col nome di Seymour nel 1989 a Colchester nell’Essex. Sono una band camaleontica guidata da un pazzo sregolato, ma un genio musicale che risponde al nome di Damon Albarn.  Graham Coxon (chitarra), Alex James (basso) e David Rowntree (batteria) sono i coprotagonisti della nostra storia. La produzione dei Blur potrebbe essere divisa in due fasi: quella più legata al britpop fino al 1996 e quella più vicina all’indie, alternative rock post 1996. I Seymour iniziano con concertini locali e sono anch’essi figli degli Stone Roses, tant’è vero che il loro […]